Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma

Accesso civico

Stampa
ACCESSO CIVICO

Art. 5, comma 1
Accesso civico a dati e documenti

Altre normative

Il diritto di Accesso

Il processo legislativo in materia di accessibilità continua ad evolversi rispondendo alle esigenze, sempre più estese, di trasparenza dell’azione pubblica, configurando diverse forme di accesso. I differenti sistemi di accesso dipendono da diversi ordini di legittimazione e grado di trasparenza. In particolare, la normativa vigente prevede:

  • Accesso ai documenti amministrativi ai sensi dell’art. 22 della legge n. 241/1990 e successive modificazioni ed integrazioni il cui iter procedimentale rimane invariato e può essere inoltrato da chi ha un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l'accesso.

  • Accesso civico semplice, disciplinato dall’art. 5, comma 1, del decreto legislativo n. 33/2013 come modificato dall’art. 6 del d.lgs. n. 97/2016. avente ad oggetto “documenti, in-formazioni e dati” oggetto di pubblicazione obbligatoria che l’amministrazione abbia omesso di pubblicare, ed esercitabile da “chiunque”, a prescindere da un particolare requisito di qualificazione; esso consente a qualunque soggetto interessato di chiedere la pubblicazione di informazioni, documenti e dati sui siti istituzionali.

            Scarica il modulo di richiesta di accesso civico semplice.

    La richiesta di accesso civico semplice va presentata al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza della Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

  • Accesso civico generalizzato disciplinato dall’art. 5, comma 2, del decreto legislativo n. 33/2013 come modificato dall’art. 6 del d.lgs. n. 97/2016. ”, avente ad oggetto dati e docu-menti detenuti dalle pubbliche amministrazioni “ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubbli-cazione” ai sensi del d.lgs. n. 33 del 2013; anche in questo caso, la legittimazione è ricono-sciuta a “chiunque”, a prescindere da un particolare requisito di qualificazione; con il diritto di accesso generalizzato, in un’ottica completamente diversa rispetto a quella che ispira la legge n. 241 del 1990, l’ordinamento vuole favorire “forme diffuse di controllo sul perse-guimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche” e “promuovere la partecipazione al dibattito pubblico”.

          Scarica il modulo di richiesta di accesso civico generalizzato

  • Registro degli accessi

    La richiesta di accesso civico generalizzato va presentata a:

       Dettagli  Al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Ufficio/Direzione (ufficio che detiene il dato)  Link all’organizzazione
       Dettagli  o in alternativa
       Dettagli  Ad accessocivico@beniculturali.it
       Dettagli  All’Ufficio relazioni con il pubblico  urp@beniculturali.it

    Il responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza - Mibact è il:  Arch. Carla Di Francesco


Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 066723.5338 .5339 .5340 .5283    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2017 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 30-10-2017 10:48:10 | Rif: 127575


Id Asset: 127575 Generata il: Mon Oct 30 10:48:35 CET 2017 Tempo di esecuzione: 100 Categoria: Accesso civico (1995)