Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma


”IL MONDO” E GLI ALTRI. ROTOCALCHI E FOTOGIORNALISMO FRA ANNI TRENTA E CINQUANTA

Beppi Bortoluzzi Diario per immagini
Beppi Bortoluzzi Diario per immagini
Stampa
Mostra a cura di Raffaele De Berti e Irene Piazzoni 

Inaugurazione lunedì 24 ottobre ore 18.00 
Biblioteca Nazionale Braidense Sala Maria Teresa 
Milano, via Brera, 28 

“Omnibus”, “Oggi”, “Tempo”, “L’Europeo”, “Epoca”, “Il Mondo”, “L’Espresso”: testate che segnano, tra anni Trenta e Cinquanta, la grande stagione del rotocalco italiano, frutto dell’editoria milanese e del genio di giornalisti e intellettuali del calibro di Leo Longanesi, Arrigo Benedetti, Mario Pannunzio, Arturo Toffanelli, Alberto Mondadori, Enrico Rusconi. Scrigno che racchiude inchieste, servizi, note di costume, reportage siglati dalle firme più note della nostra carta stampata. E preziosa miniera di immagini: una messe di scatti che immortalano i protagonisti e colgono le trasformazioni dell’Italia del tempo, raccontano, interpretano, commentano la realtà, solleticano la curiosità dei lettori, ne alimentano gli orizzonti d’attesa, l’immaginario, i desideri. Questa mostra è dedicata a un’epoca felice del fotogiornalismo, che proprio nei rotocalchi trovò una generosa e articolata committenza, un’occasione, uno stimolo alla ricerca di nuovi linguaggi. E che fu sostenuto e arricchito da fervide riflessioni sul piano teorico, oltre che da un’intensa attività creativa, come attestano i libri fotografici qui esposti. 
Assecondando ognuno la propria fisionomia, il proprio stile e il proprio target, con un occhio al pubblico di riferimento e alle ragioni editoriali, l’altro ai gusti dei direttori, i settimanali d’attualità scelsero di “parlare con le immagini” in modi peculiari. Il risultato è un carosello di declinazioni diverse delle potenzialità espressive della fotografia. Si va dal fotoracconto al singolo scatto caricato di una forte valenza, dal ritratto celebrativo a quello malizioso, dalla foto che correda un pezzo a quella che fa da sé notizia, dalla foto allusiva a quella di cronaca, dallo sguardo retorico a quello dissacrante, dal realismo alla cifra lirica, dal registro ironico a quello patetico, dall’ammiccamento voyeristico alla cruda documentazione. E si pesca dal portfolio delle agenzie come dal parterre dei professionisti affermati e dalle proposte degli appassionati. 

Tra tutti si distingue e svetta “Il Mondo”. Giornale colto e sofisticato, libero e libertario, elitario ma incisivo, la creatura di Pannunzio offrì alla fotografia uno spazio nobile, optando per scatti isolati di grande formato e alta qualità estetica, apparentemente svincolati dal momento testuale, anzi accolti nella pagina quasi come un testo a sé: sono immagini evocative e rivelatorie, che non vogliono informare ma fornire un contrappunto, suscitare un moto del pensiero o un’emozione, intervenire con un tocco ironico o poetico a commento o più spesso a denuncia del costume e dei tratti della società italiana del tempo, con l’ausilio opportuno delle didascalie. Trovano qui casa le foto d’autore: tra i tanti nomi, Gianni Berengo Gardin, Paolo Di Paolo, Carlo Orsi, Henri Cartier-Bresson. Accanto, compaiono quelle dei fotoamatori.

E tra questi c’è Giuseppe Bortoluzzi. La mostra include alcuni dei suoi scatti: di gusto francese, catturano coppie che ballano, la lettura dei fumetti dopo il bagno a Forte dei Marmi, artisti a Montmartre, tutte in sintonia con il timbro, il codice visivo, il repertorio tematico del “Mondo”. 

I periodici provengono dalle collezioni della Braidense (quarantamila testate, una delle raccolte più importanti in Italia, costituita dall’obbligo di deposito degli editori milanesi, assegnatole fin dal 1780). In qualche caso, come per i libri più antichi, le riviste, stampate su carta più fragile, sono rimaste nell’unica copia conservata dalla Biblioteca. 

La mostra ”Il Mondo” e gli altri. Rotocalchi e fotogiornalismo fra anni Trenta e Cinquanta, è promossa dalla Biblioteca Nazionale Braidense e dall'Università degli studi di Milano, Dipartimento di beni culturali e ambientali, Dipartimento di studi storici e APICE – archivi della parola dell’immagine e della comunicazione editoriale dell’Universita’ degli studi di Milano. 
Curata da Raffaele De Berti e Irene Piazzoni. 
La mostra include gli scatti del fotografo Giuseppe Bortoluzzi collaboratore della rivista. 

La mostra proseguirà fino a 30 novembre 2016 nella Sala Maria Teresa della Biblioteca Braidense, dal lunedì al sabato con i seguenti orari:9.30 alle ore 13.30, domenica chiusa. 
Ingresso libero. 

Per informazioni: 
mail: b-brai.comunicazione@beniculturali.it - www.braidense.it - tel 02 86460907 int 501 


Redattore: TIZIANA PORRO

Informazioni Evento:


Data Inizio: 24 ottobre 2016
Data Fine: 30 novembre 2016
Costo del biglietto: Ingresso libero
Prenotazione:Nessuna
Luogo: Milano, Biblioteca Nazionale Braidense di Milano
Orario: Dal lunedì al sabato 9,30 - 13,30Domenica chiusa
Telefono: 02 86460907
Fax: 02 72023910
E-mail: b-brai@beniculturali.it mbac-b-brai@mailcert.beniculturali.it
Sito web


Dove:

 
Pinacoteca di Brera - Biblioteca Nazionale Braidense di Milano
Proprietà: Ente MiBAC
Indirizzo: via Brera, 28 - Milano (MI)
Telefono: +39 02 86460907 Fax: +39 02 72023910
E-mail: b-brai@beniculturali.it;mbac-b-brai@mailcert.beniculturali.it
Sito web


XML

   ”IL MONDO” E GLI ALTRI. ROTOCALCHI E FOTOGIORNALISMO FRA ANNI TRENTA E CINQUANTA

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 066723.5338 .5339 .5340 .5283    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2017 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 21-10-2016 14:47:20 | Rif: 167183


Id Asset: 167183 Generata il: Sun Sep 03 07:14:11 CEST 2017 Tempo di esecuzione: 65 Categoria: Eventi (661)
CmsInclude=70 Global=76