Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma


SETUP CONTEMPORARY ART FAIR.

.
.
Stampa
Oltre 2.200 metri quadrati di fiera e addentrarci nel magico mondo delle 60 gallerie espositrici, di cui un quarto internazionali. Un successo già annunciato dalle straordinarie capacità di questa fiera d’arte contemporanea indipendente, che da cinque anni si contraddistingue per originalità delle proposte e con la capacità sempre in crescita di attrarre attenzione a livello internazionale.
 
Innanzitutto, per il format consolidato che, dalla prima edizione, coinvolge le tre figure chiave del sistema dell’arte contemporanea artista, curatore-critico, gallerista facendole interagire. Prerogativa assoluta è quella di presentare un progetto curatoriale in linea con il tema guida di tutta la manifestazione, proponendo almeno un artista under 35, presentato da un testo critico di un curatore under 35.
A celebrare questa formula, per l’edizione 2017, è il tema dell’EQUILIBRIO, che prende le sue mosse dal pensiero del filosofo Søren Kierkegaard, secondo cui “Osare è perdere momentaneamente l’equilibrio, non osare è perdere se stessi”.
 
·GLI ESPOSITORI
 
Sulla scia di questo pensiero, i progetti pervenuti e selezionati sono stati definiti in cinque categorie: Main Section, che riunisce 35 gallerie italiane ed estere che hanno risposto alla richiesta di proporre un progetto curatoriale con almeno un artista under 35, presentato da un testo critico di un curatore under 35; la suggestiva e audace sezione Solo Show, che abbraccia sei gallerie che presentano un solo e unico artista under 35; la prestigiosa categoria Drawing the World II di Mónica Álvarez Careaga, che risponde per la seconda volta all’invito di SetUp, presentando quattro gallerie con quattro artisti provenienti da contesti culturali diversi (India, Spagna, Polonia, Marocco); P(I)IGS CAN FLY, categoria di grande respiro internazionale a cura di Eleonora Battiston, che offre uno sguardo originale sull’economia di cinque realtà dell’area mediterranea e sud europea, raggruppate dalla fine del decennio dall’acronimo P(I)IGS: Portogallo, la recente Irlanda, Italia, Grecia e Spagna. Sono paesi in cui - per collegarci al tema di quest’anno della fiera - l’equilibrio sociale, politico ed economico è venuto meno creando ovviamente ripercussioni in ambito culturale. In questo contesto, l’arte si è dimostrata un utile strumento per interpretare la realtà e al tempo stesso per cercare di cambiarla. Infine la sezione
 
S.O.S SetUp Open Space, novità assoluta di questa edizione 2017  è uno spazio per 9 progetti sperimentali, accolti da SetUp nell’a-cronimo di Spazio Aperto: una richiesta di soccorso lanciata ai visionari del mondo dell’arte, pronti a mettersi alla prova attraverso linguaggi ed espressioni rivoluzionari. Un modo per continuare a dare a spazio, dopo 5 anni di attività, a chi osa e a chi ha il co-raggio di essere irriverente.
 
Tra le novità di quest’anno, SetUp 2017 lancia per la prima volta Handover, una piccola sezione sperimentale dedicata all’essenza dell’art-design, ovvero alla questione dell’equilibrio in rapporto al confine disciplinare tra arte e design. L’intento è di mettere a sistema le relazioni, le connessioni e di dare il via ad una staffetta tra queste due sfere di produzione, pensando che sia possibile, oltre che necessario, circoscriverne un'identità.
 
A completare il quadro dello spazio espositivo è la sezione Special Project, un percorso caratterizzato da otto progetti, passati e attuali, in un equilibrio suggestivo a cavallo fra l’evoluzione e la fermezza di SetUp.
 
Il comitato scientifico composto per la seconda volta da un’indiscussa protagonista del circuito dell’Arte Contemporanea Silvia Evangelisti, affiancata da Diego Bergamaschi, Vicepresidente dell’Associazione amici del museo GAMeC (Galleria d’arte moderna e contemporanea di Bergamo) si aggirerà già da domani sera attraverso gli spazi della fiera per valutare le opere in gara e decretare i progetti Under 35 che avranno meglio rappresentato il tema di questa edizione: l’EQUILIBRIO. I vincitori saranno premiati venerdì 27 gennaio. 
 
Insomma, anche la quinta edizione rinnova un forte e ormai consolidato know-how e si conferma “the place to be”, dove chiunque, dagli appassionati d’arte agli amanti della notte, può trovare novità, opportunità ed eventi, nel segno di tutto ciò che è attuale e tendenza.


Redattore: RENZO DE SIMONE

Informazioni Evento:


Data Inizio: 27 gennaio 2017
Data Fine: 29 gennaio 2017
Costo del biglietto: 7,00 euro
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Bologna, Autostazione
Indirizzo: Piazza XX Settembre, 6
Città: Bologna
Provincia: BO
Regione: Emilia-Romagna
Orario: 27/28 GENNAIO 2017 – DALLE ORE 17.00 ALLE 01.00 29 GENNAIO 2017, DALLE ORE 12.00 ALLE 22.00
Telefono: 051.4122665 - 051.4856976
E-mail: info@setupcontemporaryart.com
Sito web


Dove:

 
Autostazione
Città: Bologna
Indirizzo: Piazza XX Settembre, 6
Provincia: BO
Regione: Emilia-Romagna


XML

   SETUP CONTEMPORARY ART FAIR.

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 066723.5338 .5339 .5340 .5283    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2017 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 25-01-2017 12:40:24 | Rif: 169714


Id Asset: 169714 Generata il: Fri Aug 25 13:00:02 CEST 2017 Tempo di esecuzione: 68 Categoria: Eventi (661)
CmsInclude=74 Global=80