Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma


MARTE. Incontri ravvicinati con il Pianeta Rosso.

Banner
Banner
Stampa
Dato lo straordinario successo, soprattutto tra le scuole della provincia di Matera, della mostra Marte. Incontri ravvicinati con il Pianeta Rosso, inaugurata a Matera presso il Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola lo scorso 8 novembre, il Polo Museale della Basilicata insieme alla Fondazione Matera Basilicata 2019 e all’Agenzia Spaziale Italiana, promotrice della mostra, hanno deciso di prorogare l’esposizione interattiva sino alla fine del mese di gennaio.

Altre due settimane per potersi immergere nell’atmosfera affascinante del pianeta rosso comprendendo le vicende dell’esplorazione spaziale.
 
Ricordiamo che l’idea che guida la mostra ideata e promossa da ASI, per la cura di Viviana Panaccia e il coordinamento di Francesco Rea è allestita nel Museo Archeologico Nazionale tra i reperti che raccontano la storia più antica del territorio materano, è quella di avvicinare le scoperte scientifiche e la conoscenza dello spazio ad un pubblico più vasto di quello degli specialisti:
una sfida straordinariamente importante che incontra le prospettive e gli orientamenti del Polo Museale e della Fondazione Matera - Basilicata 2019 in relazione all’accessibilità culturale e alla condivisione democratica della conoscenza.

Una mostra di respiro  internazionale, premessa di quello che Matera farà l’anno prossimo, che il Polo Museale ha inteso promuovere insieme alla Fondazione anche per collegare la tradizione archeologica del museo statale più antico della regione con l’innovazione scientifica rappresentata dal Centro di Geodesia Spaziale e dal Centro Spaziale di Matera, tra le più importanti eccellenze del territorio.

“Per il Polo, ribadisce Marta Ragozzino, questa mostra è l’avvio di un impegnativo percorso di ripensamento e riallestimento, un grande progetto culturale che vorremmo mettere a disposizione e condividere con la comunità per rendere  il Museo Ridola più aperto, accessibile, comprensibile, coinvolgente e capace di parlare a tutti. Un museo di tutti e per tutti, che vorremmo vivere meglio insieme”.

La mostra vuole raccontare al grande pubblico la storia dell’esplorazione di Marte e l’importante contributo italiano a questa avventura. Dopo un richiamo alla figura mitologica del dio Marte, un’introduzione dedicata alle prime osservazioni dei canali di Giovanni Schiaparelli e alla grande produzione di letteratura fantascientifica, il percorso espositivo passa a illustrare lo stato della conoscenza che oggi abbiamo di Marte, attraverso i dati e le immagini che la più avanzata tecnologia spaziale ha permesso di acquisire: dalle prime ‘storiche’ immagini delle sonde Viking fino alla sonda europea Mars Express, ai rover americani Curiosity e Opportunity e alla sonda americana Mars Reconnaissance Orbiter.

La ricca galleria di immagini consente al visitatore un “incontro ravvicinato” con il tormentato e affascinante paesaggio marziano, con i suoi profondi canyon, le distese di dune, gli altissimi vulcani, le pianure sconfinate, e le preziose tracce di acqua scoperte di recente.
La mostra vuole essere anche un omaggio al programma europeo ExoMars, realizzato con un importante contributo italiano, il cui obiettivo è una conoscenza approfondita del Pianeta Rosso, con in prospettiva la sua colonizzazione.
Infine uno sguardo su quello che potrebbe riservare il prossimo futuro con una spettacolare e immersiva video-installazione, ispirata alle immagini della nuova serie televisiva MARS firmata da Ron Howard.
La mostra è promossa dall’Agenzia Spaziale Italiana - ASI, Ministero dei beni e delle attività Culturali e del Turismo (MIBACT) - Polo Museale Regionale della Basilicata e Fondazione Matera Basilicata 2019, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea, INAF, Leonardo, Thales Alenia Space Italia e National Geographic.


Redattore: MICHELE PIO ROBERTO SAPONARO

Informazioni Evento:


Data Inizio: 08 novembre 2017
Data Fine: 29 gennaio 2018
Costo del biglietto: Euro 2,50; Riduzioni: Euro 1,25; Gratuito per le categorie previste
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Matera, Museo archeologico nazionale 'Domenico Ridola'
Orario: PROROGATA FINO AL 29 GENNAIO Martedì - Domenica: 9.00 - 20.00 Lunedì:14.00 - 20.00 Lunedì mattina chiuso
Telefono: +39 338 8831053 /+39 0835 2562245
Fax: +39 0835 2562245
E-mail: pm-bas.stampa@beniculturali.it
Sito web



Immagini (cliccare per ingrandire)
Pieghevole
Pieghevole
Allestimenti 1
Allestimenti 1
Allestimenti 2
Allestimenti 2
Allestimenti 3
Allestimenti 3


Dove:

 
Museo archeologico nazionale "Domenico Ridola"
Proprietà: Ente MiBAC
Indirizzo: via Domenico Ridola, 24 75100 - Matera (MT)
Telefono: +39 0835 310058 Fax: +39 0835 310058
E-mail: pm-bas.museoridola@beniculturali.it;mbac-pm-bas@mailcert.beniculturali.it
Sito web


XML

   MARTE. Incontri ravvicinati con il Pianeta Rosso.

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 066723.5338 .5339 .5340 .5283    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2018 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 16-01-2018 13:48:22 | Rif: 179528


Id Asset: 179528 Generata il: Tue Jan 16 17:43:06 CET 2018 Tempo di esecuzione: 77 Categoria: Eventi (661)
CmsInclude=87 Global=95