Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma


Nella città d’Asti in Piemonte. Arte e cultura in epoca moderna

.
.
Stampa
Il titolo della mostra attinge dalla Vita di Vittorio Alfieri, l’astigiano più celebre del tempo e pure colui che, con spirito critico, denunciò il clima provinciale del luogo natio. A quest’immagine retrospettiva, di Asti ormai lontana dai fasti medievali che riposava placidamente all’interno del Regno di Sardegna, corrisponde in realtà una città che aveva conosciuto altri momenti di estrema visibilità. Sono quelli attorno ai quali i curatori hanno ragionato nel rintracciare un filo rosso che unisse le opere restaurate in occasione dell’esposizione e sono quelli che costituiscono all’incirca gli estremi cronologici della rassegna: l’assedio di Asti del 1615 e la Repubblica Astese del 1797. L’Asti barocca si presenta come un centro culturale abile a cogliere e rielaborarei modelli figurativi provenienti dalla corte torinese e da altri ambiti geografici. La geografia territoriale e politica dell’astigiano in età moderna si rispecchia nella costellazione di sollecitazioni culturali, botteghe – locali e forestiere – e committenti che in tale regione si intrecciarono dando vita a sperimentazioni e aggiornamenti figurativi. In questa prospettiva di lungo periodo si chiarisce l’esecuzione di alcune opere capitali per l’illustrazione della storia artistica della città e di quella che diventerà la sua Provincia.

In mostra sono esposte opere eseguite tra la fine del Cinquecento e gli inizi dell’Ottocento, tra cui si segnalano: le quattro Battaglie dell’Assedio di Asti dell’ambito del Cerano (provenienti dal Museo del Greco di Toledo), i dipinti di Guglielmo Caccia e di sua figlia Orsola Maddalena, di Pietro Laveglia e di Giovan Bartolomeo Caravoglia, la tela attribuita a Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato, le sculture lignee della bottega degli Enaten, le armature provenienti dall’Armeria Reale di Torino. Per il Settecento sono esposte opere di Giovanni Carlo Aliberti e di Carlo Gorzio, espressione della cultura figurativa astigiana, dipinti di Michele Antonio Milocco e Giovanni Domenico Molinari, pittori legati alla corte torinese, accanto a pregevoli tele di ambito lombardo ed emiliano. Esposti anche gli argenti dell’orafo Giovanni Tommaso Groppa commissionati dal vescovo Milliavacca e preziose pianete di manifattura italiana e francese. La statuaria è rappresentata dalle sculture lignee di Giovanni Battista Bonzanigo, Francesco Maria Riva e Stefano Maria Clemente. L’esposizione si chiude con la sezione dedicata alle microsculture neoclassiche di Giuseppe Maria Bonzanigo e alle vedute di Pietro Bagetti, di gusto già preromantico.


Redattore: SIMONA ANGELA CONTARDI

Informazioni Evento:


Data Inizio: 28 ottobre 2017
Data Fine: 25 febbraio 2018
Costo del biglietto: Ingresso: € 5,00; Riduzioni: Ingresso: € 3,00
Prenotazione:Facoltativa; Telefono prenotazioni: +39 0141- 530403
Luogo: Asti, Palazzo Mazzetti
Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 357
Città: Asti
Provincia: AT
Regione: Piemonte
Orario: 10.30-18.30 (ultimo ingresso ore 17.30)
Telefono: +39 0141- 530403
E-mail: info@palazzomazzetti.it
Sito web Sito web


Documentazione:

Depliant
(documento in formato pdf, peso 13463 Kb, data ultimo aggiornamento: 21 novembre 2017)




Dove:

 
Palazzo Mazzetti
Città: Asti
Indirizzo: Corso Vittorio Alfieri, 357
Provincia: AT
Regione: Piemonte


XML

   Nella città d’Asti in Piemonte. Arte e cultura in epoca moderna

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 066723.5338 .5339 .5340 .5283    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2017 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 21-11-2017 18:59:04 | Rif: 179373


Id Asset: 179373 Generata il: Tue Nov 21 22:07:28 CET 2017 Tempo di esecuzione: 135 Categoria: Eventi (661)
CmsInclude=140 Global=146