Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma

Terremoto Abruzzo: iniziati i lavori di restauro della grande tela proveniente dalla cupola del duomo dell’Aquila (1828)

principale
principale
Stampa
L’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro ha iniziato, in collaborazione con la Soprintendenza per beni artistici, storici e etnoantropologici dell’Abruzzo e con l’Ufficio del Vice Commissario per la tutela del patrimonio culturale, l’intervento di messa in sicurezza e restauro della grande tela che decorava la cupola del Duomo dell’Aquila. Gravemente danneggiata dal sisma del 6 aprile la tela è stata recuperata dai Vigili del Fuoco in 9 grandi porzioni, accatastate in prossimità della facciata, sotto un telo sostenuto da una struttura di tubi.

L’intervento di restauro si inquadra nell’accordo firmato il 23.4.2009 dal Segretario Generale, in attuazione delle disposizioni impartite dal Ministro Bondi per la costituzione di un Ufficio distaccato dell’ISCR all’Aquila, e vedrà la partecipazione degli allievi dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila che affiancheranno i restauratori dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro.

La grande tela di circa 120 mq., dipinta da Venanzio Mascitelli nel 1828, raffigura uno sfondato architettonico a cupola, in monocromo sui toni del grigio, ripreso dall’originale di Andrea Pozzo della Chiesa di S. Ignazio a Roma. Le precarie condizioni della tela, lacerata e suddivisa in numerosi frammenti, le grandi dimensioni e l’enorme peso dell’impalcato ligneo su cui la tela è montata, hanno reso molto complesso l’intervento di ricovero e messa in sicurezza del dipinto.

Grazie all’intervento dei restauratori dell’ Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro il 27 e 28 ottobre scorso è stato possibile ricoverare le 9 porzioni della tela nella “tenda laboratorio” allestita dai Vigili del Fuoco (gruppo Rimini- Cesena) nella piazza del Duomo. Qui saranno effettuate le operazioni necessarie alla messa in sicurezza del dipinto che prevedono in prima istanza il fissaggio e la protezione della superficie pittorica preventivamente liberata dalla polvere e dai detriti e la sostituzione delle pesanti travature lignee che attualmente sostengono l’impalcato della tela.

L’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro si occuperà successivamente dello spostamento dell’opera nel deposito temporaneo presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aquila. In questa fase sarà realizzata una precisa e dettagliata documentazione grafica e fotografica delle 9 sezioni recuperate allo scopo di facilitarne il restauro e la successiva ricomposizione.







Immagini(cliccare per ingrandire)
Foto prima del sisma
Foto prima del sisma
spostamento nella tenda sezioni grandi con gru2
spostamento nella tenda sezioni grandi con gru2
le 9 sezioni nella tenda
le 9 sezioni nella tenda
inserimento in tenda sezioni grandi a mano
inserimento in tenda sezioni grandi a mano
spostamento nella tenda sezioni piccole a mano
spostamento nella tenda sezioni piccole a mano
lacerazioni della della tela
lacerazioni della della tela
9 sezioni accatastate prima spostamento
9 sezioni accatastate prima spostamento
spostamento nella tenda sezioni grandi con gru1
spostamento nella tenda sezioni grandi con gru1
le 9 sezioni nella tenda laboratorio
le 9 sezioni nella tenda laboratorio

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 066723.5338 .5339 .5340 .5283    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2017 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 06-11-2009 15:17:29 | Rif: 16829


Id Asset: 16829 Generata il: Tue Aug 22 14:08:12 CEST 2017 Tempo di esecuzione: 113 Categoria: Restauri in Corso (128)